Categorie
Impronte Orizzonti Visioni

IL PRIMO MAGGIO SI PIANTAVANO LE PATATE: STORIE D’ALTRI TEMPI… MA NEANCHE POI TANTO

Qualche settimana fa ricordo di aver chiesto a mio nonno quali giochi faceva da bambino, come passava le giornate, cosa faceva dopo la scuola, com’era stata la sua infanzia insomma.

Lui a questa domanda si era abbastanza risentito: “Giochi?” aveva detto con il suo tono un po’ burbero, “Quali giochi? Noi da piccoli andavamo a lavorare!”

E in effetti il lavoro ha scandito tutta la vita di mio nonno, come di moltissimi uomini e donne della sua generazione (lui era nato nel 1926).

Era un muratore, come suo papà e altre persone della nostra famiglia, e dopo essersi sposato aveva costruito da solo la casa dove avrebbe poi vissuto con mia nonna e con i bambini.

Aveva scelto un terreno piuttosto grande per poter avere anche uno spazio da coltivare.

Mio zio (suo figlio) mi ha raccontato proprio qualche sera fa che le “attività agricole” in famiglia erano rigorosamente scandite nel corso dell’anno: per esempio il 25 aprile mio nonno seminava il grano e il 1° maggio piantava le patate. Sfruttava queste giornate libere dal lavoro “ufficiale” per dedicarsi al lavoro “domestico”.

Alcuni anni dopo, sempre nel tempo libero, ha costruito altre due case da destinare ai suoi figli.

Quando ero bambina ricordo che mio nonno era già in pensione, ma la sua giornata era comunque scandita da lavori da fare: occuparsi di piccole riparazioni domestiche, badare a conigli e galline, all’orto e alle piante (solo i lavori più pesanti, il resto era compito della nonna), tagliare l’erba, fare il fieno… Spesso altre persone del paese lo chiamavano per fare qualche lavoro in casa (piccoli lavori di muratura e simili). Era sempre contento di aiutare e di poter essere utile.

Quando qualche anno fa, dopo gli 80 anni, le forze hanno cominciato ad abbandonarlo e ha dovuto mollare la presa, per lui è stato come perdere una parte di senso…

Mio nonno ha dedicato la sua vita al lavoro e alla famiglia e l’ha fatto in un modo così naturale che anche a noi veniva spontaneo seguirlo e imitarlo per quanto potevamo (io per esempio davo da mangiare e da bere ai conigli e raccoglievo le uova delle galline perché ero piccola e non sapevo fare tante cose, ma mio papà e i miei zii l’hanno aiutato nella costruzione delle case seguendo le sue direttive).

Tutto sembrava assolutamente normale, ma adesso, guardandomi intorno e indietro, mi rendo conto che non era affatto scontato: le persone come lui hanno costruito con le loro mani il nostro Paese, con grande umiltà, in silenzio, senza farlo pesare, e ci hanno lasciato un’eredità morale e materiale fondamentale. Le nostre radici sono in queste persone.

Molte di loro le abbiamo perse dolorosamente nelle scorse settimane, ma quello che hanno fatto, tutto il loro lavoro, non andrà mai perso.

A queste persone va dedicato questo Primo Maggio, con l’augurio che nei mesi duri che stiamo vivendo possiamo avere la loro stessa forza e il loro stesso coraggio. Seguendo il loro esempio, possiamo farcela.

Francesca Realini

Categorie
Cultura Impronte

Speciale 25 Aprile: la Liberazione

Una puntata speciale in concomitanza con la festa della Liberazione che quest’anno potremo vivere solamente dalle nostre case. 

In collaborazione con il Circolo culturale Dialogo vi proponiamo la presentazione virtuale del libro “Bando alle guerre”, diario di prigionia di Antonio Fermini militare comasco deportato nei campi di concentramento tedeschi.

Un ringraziamento particolare a Patrizia Bruggi, la curatrice del libro che ha anche realizzato il video di presentazione e all’editore Carlo Pozzoni.

“Bando alle guerre”- diario di prigionia di Antonio Fermini

Qui di seguito leggeremo alcuni brani tratti dal diario, una poesia che Aurelio Fermini ha dedicato al papà Antonio ed un brano di Guareschi.

Ascolta l’episodio del podcast

Alcune immagini storiche

Categorie
Cultura Impronte

“La trombettina” – racconto di Mario Marini

Oggi vi proponiamo un racconto scritto da Mario Marini, autore uggiatese che alcuni di voi sicuramente conoscono.

Scrive Mario: “La Trombettina è un racconto che nasce sia da suggestioni prettamente “estive”, non a caso il sottotitolo è “Storia d’estate”, sia dall’omonima lirica di Corrado Govoni, a me molto cara. C’è un po’ anche la nostalgia di una fiera d’altri tempi, a cui, a piedi, nella frescura della sera estiva, mi recavo con mio padre, e la celebrazione della libertà concessa dalla bella stagione, a partire dal rito della mietitura e della festa collettiva della trebbiatura, contrapposta alla stretta esistenza imposta dal freddo inverno. In mezzo ci sono le altre stagioni che caratterizzano il trascorrere di un intero ciclo e infine lo “specchio sincero del camino acceso” in cui i due bambini, protagonisti della storia, si riconoscono e si ritrovano.”

Buona lettura!

La “machina da batt“, ovvero la mitica trebbiatrice che arrivava a Giugno inoltrato facendo il giro di tutti i paesi

Categorie
Cultura Impronte

Dantedì

Ogni anno, il 25 marzo, data che gli studiosi riconoscono come inizio del viaggio nell’aldilà della Divina Commedia si celebrerà il Dantedì. Una giornata per ricordare in tutta Italia e nel mondo il genio di Dante con moltissime iniziative che vedranno un forte coinvolgimento delle scuole, degli studenti e delle istituzioni culturali.

Le celebrazioni, seppur a distanza, potranno proseguire durante tutta la giornata sui social, con pillole, letture in streaming, performance dedicate a Dante, con gli hashtag ufficiali #Dantedì e #IoleggoDante.

Per questo motivo abbiamo realizzato un podcast con alcuni brani tratti dalle sue opere o che parlano del Sommo Poeta.

Qui potete ascoltare l’episodio.

Categorie
Cultura Impronte

Vicenza e la mostra “Ritratto di donna”

Dopo il grande successo del Turandot, Extra Moenia vi propone una nuova ed interessante iniziativa. Andremo a Vicenza domenica 1 Marzo 2020 in occasione della Mostra “Ritratto di Donna”. Partecipate numerosi! 👋🏼
Per informazioni e prenotazioni:

👉 Davide Cantoni (+39) 333 1989310
👉 Francesca Realini (+39) 334 8251182
👉 Cecilia Castelli (+39) 333 2689651

Categorie
Cultura Impronte

Rassegna di musica antica Dulcis Harmoniae

L’Associazione Culturale Extra Moenia è lieta di proporre una iniziativa di elevato valore storico-musicale nel nostro territorio provinciale. Il programma si articola in diverse parti utili a conoscere, ampliare ed approfondire il Medioevo e la sua musica.

Cuore dell’iniziativa saranno i concerti che avranno luogo in alcune chiese locali di particolare interesse storico-religioso.

Ecco il programma ancora in via di definizione:

  • 31 Maggio 2020: “Laudi mariane” a cura del gruppo vocale “à8” presso la chiesa di S.Anna ad Albiolo:
  • 21 Giugno 2020: “Hildegard von Bingen” presso la chiesa di S.Michele ad Uggiate-Trevano
  • 18 Luglio 2020: “Cum corde” presso la chiesa di S.Michele a Cagno

Oltre ai concerti verranno organizzate anche una serie di conferenze, incontri e gite per inquadrare meglio il periodo storico del Medioevo.
Dato che le date sono ancora in via di definizione vi suggeriamo di continuare a seguire le nostre attività, provvederemo ad inserire i nuovi appuntamenti in questo articolo non appena possibile!

Categorie
Impronte

Giornata della Memoria

In vista della ricorrenza del 27 Gennaio l’Associazione Extra Moenia posizionerà in alcuni esercizi commerciali di Uggiate-Trevano delle lavagnette con frasi tratte dalla poesia “Se questo è un uomo” di Primo Levi.

L’intero testo della poesia verrà anche posizionato in Piazza 27 Gennaio ad Uggiate-Trevano. L’Associazione inoltre proporrà ad altri comuni della zona di riportare la poesia anche nei numerosi pannelli comunali informativi così da sensibilizzare la cittadinanza tutta su questa importante ricorrenza.

Categorie
Impronte

Extra Moenia alla ricerca di foto

Fuori dalle mura: è questo il significato di Extra Moenia e tra gli scopi della nostra associazione c’è anche quello di andare davvero oltre le mura dei singoli comuni del nostro territorio per farlo conoscere in tutta la sua bellezza e particolarità.
Se avete delle fotografie di scorci nella zona di Albiolo, Bizzarone, Faloppio, Rodero, Ronago, Solbiate con Cagno, Uggiate-Trevano o Valmorea, potete inviarle tramite messaggio privato alla nostra pagina Facebook.
Noi le pubblicheremo sulla nostra pagina Facebook una per una con l’indicazione del posto e i ringraziamenti all’autore.
Non ci sono premi in palio e non sarà una sfida all’ultimo like, ma solo un modo per scoprire il nostro territorio e farne conoscere i luoghi più suggestivi…